17/05/17

HTC U11: il migliore per fare foto


Tre Giorni fa avevo scritto un post riguardante le migliori fotocamere in uno Smartphone, ma propria ieri HTC ha presentato il suo nuovo top di gamma: l'HTC U11. Ed il famoso sito che compara le diverse fotocamere DxOMark.com lo ha testato e lo considera il migliore smartphone per fare foto, superando il precedente primo classificato: Google Pixel.
Qui in alto potete vedere il particolare ingrandito di una foto a confrontato con il nuovo Galaxy S8 e il cellulare di Google.
L'HTC U11 ha un sensore di 12 Megapixel (grandezza sensore 1/2.55 inch) ed un apertura di f/1.75 con incluso anche un stabilizzatore ottico del immagine. Inoltre ha una fotocamera anteriore di 16 Megapixel, è resistente all'acqua ed ha un design veramente spettacolare.
HTC U11 - il migliore smartphone per fare foto

11/05/17

Migliore fotocamera smartphone 2017

Come negli anni precedenti vi segnalo qui i migliori Smartphone per fare Fotografie nel 2017.

Samsung Galaxy S8 / S8+  ( Galaxy S7 )

Il top di gamma di Samsung rimana anche nel 2017 uno dei migliori cellulari per fare foto. Rispetto al precedente modello Galaxy S7 non è cambiato molto per quanto riguarda il sensore fotografico (12 Megapixel) che comunque è tra i migliori sopratutto in presenza di poca luce (apertura del obiettivo: f/1.7).

LG G6

E' personalmente tra i miei preferiti. Ha infatti due fotocamere posteriori. Una con obiettivo normale (13Megapixel con apertura f/1.8) ed una seconda con Obiettivo grandangolare (125°).


Google Pixel

Presentato l'anno scorso, ma rimana ancora tra i migliori per quanto riguarda la fotocamera.

Huawei P10

La fotocamera di questo smartphone è stata sviluppata in collaborazione con Leica. Si tratta di una doppia fotocamera di cui una in Bianco e nero che scatta a ben 20 Megapixel ed ha la funzione di catturare più dettagli possibili che poi vengono uniti via software all'immagine del altra fotocamera a colori (12 MP).


iPhone 7 plus

Anche questo smartphone ha una doppia Fotocamera di cui una normale e l'altra con obiettivo Tele. La qualità fotografica rimane ancora ottima anche se il cellulare è dell'anno scorso.

10/05/17

App per Aprire e modificare file RAW con lo Smartphone (.CR2 e .NEF)

Durante il mio ultimo viaggio non mi sono portato a presso alcun portatile, oltre alla mia Reflex avevo quindi soltanto lo Smartphone con me.
Per poter comunque aprire e condividere le fotografie fatte con  la Reflex Canon (in formato .CR2) mi sono procurato innanzitutto questo lettore Schede Sd  che si collega direttamente al Cellulare e permettendo di aprire ed importare tutti i file.
Dopodiché mi sono procurato "Photo Mate R3", si tratta di un App per dispositivi Android che permette di Aprire e Modificare tutti i file RAW (inclusi i file Canon/ CR2 , Nikon .NEF ed altri formati come .DNG). 
L'applicazione purtroppo non è gratuita, ma costa 9 Euro
Il prezzo è comunque ottimo, considerando anche che non esistono altre alternative con le stesse funzionalità. L'unica alternativa è Adobe Lightroom che però costa ancora di più e poi c'è Snapseed, che permette di modificare Raw in formato DNG (formato utilizzato da alcuni smartphone) ma non permette la modifica di file delle principali fotocamere Reflex.
Le funzioni di Sviluppo di "Photo Mate R3" sono praticamente identiche a quelle di "Lightroom" o "Adobe Camera Raw" ed è possibile scaricare anche una versione di prova (che mette un Watermark sulle foto) prima di acquistare la licenza completa. 

08/05/17

Guida Viaggio: Holi festival 2018 in India (Mathura-Vrindavan)

A Mathura (il Giorno di Holi)
Holi è il festival dei colori che viene festeggiato ogni primavera in India e nei paesi limitrofi. E' da moltissimo che volevo vivere questa esperienza, e quest'anno ho finalmente avuto la possibilità di realizzare questo sogno.
La festa ha origine secondo la legenda da una storia di amore della divinità indù Krishna, il quale si vergognava di rimorchiare ragazze per il colore blu della sua pelle e cosi sua madre gli consiglia di colorare la faccia della sua amata Radha.
L'Holi viene festeggiato in tutta l'india ma in modo particolare nel luogo di nascita di Krishna, cioè a Mathura-Vrindavan, ed è proprio li che sono andato.

Ecco quindi una piccola guida di Viaggio per chi volesse andare nel 2018 a celebrare l'Holi festival.

Nel 2018 l'Holi vero e proprio sarà il 2 Marzo. Però si inizia a festeggiare già una settimana prima. Ad esempio sempre nelle vicinanze di Mathura ci sono i paesini: Barsana e Nandgaon in cui si festeggia ca. 7 giorni prima di Holi. Ed anche a Vrindavan si festeggia per diversi giorni nella settimana prima di Holi.
Io sono arrivato a Vrindavan 2 giorni prima di Holi cosi come anche la maggior parte dei turisti in viaggio per partecipare a questo festival.
Di mattina a Vrindavan (il giorno prima di Holi)





Il giorno prima di Holi:
Per me la festa vera e propria iniziò il giorno prima di Holi che era anche il giorno più festivo e più divertente.
Si inizia la mattina a Vrindavan a partire dalle 8:00 fino a Mezzogiorno; la maggior parte dell'azione sarà concentrata lungo questa rotta (link google maps).
Le strade sono piene di persone che si buttano polvere colorata tra di loro, particolarmente affollate sono le vie nelle vicinanze del tempio Bankey Bihari al cui interno si celebra l'Holi. Io non sono entrato nel tempio in quanto era veramente troppo pieno e non era neanche possibile muoversi.

mattina a Vrindavan (giorno prima di Holi)
Vrindavan

Di pomeriggio (giorno prima di Holi) la festa si sposta invece a Mathura. Qui c'è infatti la Processione tra le strade del paese, che secondo me è il momento culminante di tutta la festa. Dalle 14:30 fino alle 18:30 le strade sono piene di persone e ci sono i Carri con Musica e tanta polvere colorata. (ps. purtroppo a questo punto la mia fotocamera non funzionava più).

A post shared by Alfie (@alfieianni) on


La processione parte intorno alla zona di Vishram Ghat e segue più o meno questo percorso (mappa google maps).

Holi:
Il giorno di Holi oltre alla polvere colorata si utilizza anche molta acqua per festeggiare. Il luogo principale di festeggiamento a Mathura è il Tempio di Dwarkadheesh. Anche lungo la strada da Vishram Ghat al Holi Gate (lungo la strada della processione, vedi link mappa) ci sono molte persone. Dopo mezzogiorno la festa però è finita e la città ritorna alla normalità.

al interno del tempio di Dwarkadeesh (Mattina, Giorno di Holi)
Mathura - Vishram Ghat (il giorno di Holi)
Mathura, fuori di fronte al tempio di Dwarkadeesh
Mathura, fuori di fronte al tempio di Dwarkadeesh
Il giorno dopo Holi:
A 30km da Mathura c'è un paesino chiamato Baldeo, ed è li che si festeggia in modo particolarmente impressionante con molta acqua colorata. Al interno del Shri Dauji Mandir (mappa google) c'è una cerimonia molto interessante in cui le donne spogliano i uomini e li prendono a botte (ovviamente in modo giocoso) con i loro vestiti e stracci bagnati. Il tempio è molto piccolo e l'unico modo per fotografare l'evento è il balcone che circonda la piazza del tempio.

Baldeo (giorno dopo Holi) a questo punto la cerimonia principale era già finita.


Purtroppo è un evento molto popolare è bisogna quindi arrivare molto presto per riuscire a occupare un buon posto (consiglierei di arrivare alle 8:00). La cerimonia inizia alle 12:30 e pur arrivando circa alle 10:00 non sono riuscita a trovare un posto (partendo da Vrindavan il viaggio era molto lungo per arrivare li'). Ho cercato quindi di rimanere nella piazza del tempio, ma prima di iniziare la cerimonia cacciano via chiunque non ne fa parte. Comunque alla fine hanno poi aperto i cancelli ed ho potuto fare qualche foto.

Baldeo, nella piazza del tempio prima del inizio della cerimonia

Baldeo (dopo la cerimonia principale)

Baldeo

Se avete altre domande riguardo al Holi festival e cosa fare a Mathura e Vrindava; potete contattarmi via mail.

Nb: tutte le foto sono ovviamente state scattate da me e per vederne altre potete andare sul mio profilo flickr.

02/01/17

Stampare un Fotolibro con Saal Digital - recensione

Ho avuto la possibilità di provare il servizio di Saal Digital, più precisamente ho stampato un Fotolibro in formato A4 con copertina rigida.
Avevo già precedentemente stampato un libro con un altra azienda; e confrontando i due prodotti devo dire che sono rimasto più che soddisfatto dalla qualità di questo libro che complessivamente valuterei come il migliore (tra quelli provati fino ad ora). 
Il libro è stato realizzato ed impaginato con il software disponibile sul sito, che era abbastanza semplice da utilizzare (e tra l'altro credo; identico al software che avevo utilizzato per l'altro libro qualche anno fa).
Ho stampato in tutto 42 pagine ad un prezzo di 42 Euro più spedizione. 
I fogli sono stampati su una carta molto pesante e spessa, e questo è uno dei motivi principali per cui ritengo questo libro appunto migliore di quello che avevo stampato precedentemente con pagine più fine (considerando anche il prezzo). Poi oltre ad essere migliore la carta, sono rimasto anche sorpreso della qualità e risoluzione di stampa. 



Come vedete nel immagine qui in alto, ho cercato di ingrandire la fotografia stampata; e non sono visibili alcuni punti di stampa, quindi un risultato veramente ottimo (per avere un confronto ecco qui un ingrandimento del mio altro libro dell'altra azienda, per un prodotto al prezzo equivalente a questo). 
Tutto sommato direi quindi che il prodotto è ottimo.

20/11/16

Scannerizzare velocemente le vecchie foto stampate con lo smartphone

App per Scannerizzare Fotografie stampate

Le abbiamo tutti ancora a casa, in uno scatolo, in cantina o nel miglior dei casi appesi al muro: le vecchie fotografie stampate. Prima del digitale venivano infatti ancora sviluppati e stampati tutti i rullini. Oggi giorno però queste fotografie analogiche sono diventate molto difficile da condividere e quindi necessario digitalizzarle per averle anche sul PC o sullo smartphone. Il miglior metodo per convertirle in formato JPG sarebbe ovviamente uno Scanner professionale collegato al computer, ma bisogna avere comunque l'apparecchio ed inoltre è un metodo abbastanza impegnativo.
MA per chi volesse invece un metodo molto più semplice e veloce esisto lo smarphone ed in particolare esiste ora una nuova app realizzata da Google: "PhotoScan". Questa applicazione permette di realizzare degli Scan ad alta risoluzione delle vostre fotografie, eliminando tutte le interferenze (riflessi di luce e polvere) che si creerebbero utilizzando semplicemente la fotocamera del proprio cellulare senza app.
L'app è gratis e disponibile sia per Android che per iPhone/ iOS, basta cercare "PhotoScan" (di Google).

14/10/16

Miglior Smartphone per fare Foto e Video 2016

La migliore fotocamera è quella che hai con te, e dato che i cellulari hanno ormai sostituito completamente le fotocamere compatte, ho deciso di fare un elenco dei Smartphone migliori per scattare fotografie e fare video.
Non è una classifica in quanto tutti hanno i loro Vantaggi e svantaggi diversi.

Ecco i migliori Smartphone del 2016 (-2017) per Fotografare e fare Video.



Google Pixel / Pixel XL

E' il primo Smartphone prodotto da Google ed è considerato da DxOMark (un dei più famosi siti che fa test sulla qualità delle foto) come la migliore Fotocamera in uno Smartphone. Scatta foto a 12Megapixel, che in realtà non sembrano tanti ma in cambio i pixel sono molto grandi (1.55μm) e quindi con un ottima performance anche con poca luce.  L'Apertura della lente è di f/2.0 quindi non tanto luminosa quanto la concorrenza, ma in cambio l'autofocus è tra i più veloci di tutti. Permette la ripresa di Video in 4k (30fps) ed ha inoltre a quanto pare un ottimo stabilizzatore (EIS). Prezzo di lancio intorno a 759€ per il Pixel e 899€ per Pixel XL.

09/03/16

Corso di Fotografia reflex online gratuito

Corso Fotografia Digitale Online
Se siete appassionati di fotografia e volete imparare a come utilizzare una fotocamera professionale Reflex potete farlo seguendo dei corsi virtuali online. Su internet esistono infatti moltissimi corsi gratuiti e tutorial che spiegano tutte le funzionalità di un apparecchio fotografico digitale. Queste guide sono particolarmente adatte a principianti che cercano un primo approccio nel mondo della fotografia.

Qui di seguito elencherò quindi i migliori Video Corsi in italiano disponibili su Youtube:


#1 -  Playerdue Lighting
Dei video corsi condotti dal fotografo Carlo Orlandi; il quale parte dalle basi della fotografia digitale fino ad affrontare temi più avanzati come la gestione della luce e l'utilizzo di flash.
Video principali:
#2 - Mirko Errigo Photography
Sul canale del Fotografo Mirko Errigo, troverete dei video veramente ben fatti in cui spiega in modo molto comprensibile le basi della fotografia.
Video principali:
Un piccolo corso di sei puntate realizzato da Gianmaria sul suo Canale YouTube.
Video:
Tutti i corsi online elencati sono ovviamente visibili gratuitamente e vi spiegheranno le basi della fotografia; facendovi capire meglio come utilizzare una Reflex e le sue impostazioni di scatto.

02/03/16

Guida alla Pulizia del Sensore della Reflex

Ho posseduto diverse fotocamere già da moltissimi anni, ma fino a poco fa non ho mai osato toccare il sensore della mia Reflex. Negli ultimi mesi però ho notato della polvere nelle mie fotografie e non ho avuto quindi altra scelta che informarmi su come togliere queste piccolissime particelle quasi invisibile ad occhio nudo.
Ho letto parecchi post che avvisavano quanto sia delicato il sensore, quanto sia facile da rovinare e che è meglio far fare queste cose ad un professionista.
In Realtà tutto ciò non è vero:  pulire il sensore è una pratica veloce e non affatto complicata.

Guida semplice alla pulizia del Sensore:

1. La prima cosa da fare è quella di individuare la polvere. Prendete la vostra fotocamera con un obiettivo qualsiasi a vostra disposizione ed impostate l'apertura più piccola disponibile, cioè f/16 o più alto. Inquadrate una fonte di luce uniforme come ad esempio il cielo o meglio ancora una pagina bianca-luminosa sullo schermo del PC e scattate una foto o utilizzate il LiveView/ Video per vedere se sono visibili delle particelle di polvere.
(NB. controllate che anche l'obiettivo sia pulito, per essere sicuri che le macchie siano effettivamente sul sensore e non sul obiettivo).

2. Iniziamo a preparare la macchina alla pulizia: Smontate l'obiettivo ed impostate nel menu della fotocamera la modalità "Pulizia Manuale del Sensore". In sostanza in questa modalità viene alzato lo specchietto delle Reflex per accedere in modo più semplice alla fotocamera.
Attenzione: Uno dei possibili rischi che potrebbero rovinare il vostro apparecchio è quello che lo specchietto scende al improvviso durante la pulizia; nella "modalità pulizia" ciò può soltanto accadere se la fotocamera si spegne, quindi state attenti a non spegnerla per sbaglio durante la pulizia e siate certi che la batteria sia completamente carica.

3. Utilizzate una Pompetta/ Soffiatore per una piccola pulizia superficiale del Sensore. Io ho acquistato questa Pompetta che costa meno di 5 € (è la più economica, ma esistono anche di più costose e c'è chi si lamenta che questa fa un odore di plastica, ma secondo me è ottima.)
Attenzione: Ovviamente dovete fare attenzione a non toccare il sensore con la Pompetta.

4. Pulite il Sensore. Il sensore è composto superficialmente da uno strato di vetro, e questo vetro deve rimanere il più pulito possibile e non deve assolutamente essere graffiato. Per pulirlo sono quindi necessari dei prodotti specifici (Attenzione: non utilizzate fazzoletti, cotone, pani in microfibra o altre cose improvvisate poiché rischierete di sporcare ulteriormente il sensore e nel caso peggiore di graffiarlo).
Io ho utilizzato questo Kit per la pulizia del Sensore, costa 30€ ed include dei panni non-abrasivi, il liquido per la pulizia ed un bastoncino su cui avvolgere i panni.
Come già detto il sensore è molto semplice da pulire basta avvolgere il bastoncino con uno dei panni, mettere un po' di liquido su di esso e poi passarlo sul sensore (con un movimento che va da un estremità al altra).
Attenzione: ovviamente il Sensore non va mai toccato con le mani o con altre cose oltre al Panno/Fazzoletto non-abrasivo incluso (e non utilizzate il bastoncino di plastica senza un panno).

Esistono ovviamente anche altri prodotti e metodi per la pulizia, l'importante è comunque di utilizzare sempre un prodotto specifico e adatto per entrare in contatto con il sensore.

06/03/15

Reportage di viaggio #1: I Pellegrini di Haridwar (India)


Haridwar
Tra tutti i luoghi che ho visitato Haridwar è definitivamente uno dei miei posti preferiti. Letteralmente il nome della città significa "Porta d'ingresso di Dio" ed è una delle città sacre del Induismo. Si trova nel India del Nord (tra Delhi e Rishikesh) sulle sponde del fiume Ganges ed ha ca. 150.000 abitanti.

Fire Blessing
Haridwar è particolarmente conosciuta per il "Kumbh Mela", il festival religioso più grande del mondo (fino a 70 milioni di partecipanti) che viene celebrato ogni 3 anni a rotazione in una delle 4 città sacre; tra cui appunto ogni 12 anni a Haridwar.

two sadhus
Dopo aver visitato le principali mete turistiche dell'India non sapevo dove altro andare; ho quindi preso il mio portatile ed aperto il sito di Steve McCurry, ed è li che ho visto alcune fotografie pazzesche e molto interessanti che erano state fatto propria li ad Haridwar durante il Kumb Mela, e cosi ho deciso di andarci (anche se non durante la festa).

Lord of the Snakes
Ricordo ancora bene il mio primo giorno in questa città, il più orribile di tutto il viaggio in india, sono arrivato di pomeriggio e dopo aver preso un albergo che non faceva tanto schifo quanto i 10 precedenti che avevo ispezionato, mi sono diretto verso il centro. Purtroppo a metà strada arrivò il monsone; ho quindi cercato riparo nel "ristorante" più vicino, per poter finalmente cenare (non avevo neanche pranzato sul treno); un locale scuro con alcuni topi che camminavano per terra; ed è qui che mi son beccato la mia prima intossicazione alimentare da cibo vegetariano. Senza andare in dettaglio; la notte era terribile, e il prossimo giorno volevo quasi lasciare la città. Ma per fortuna sono rimasto,  ho trovato un buon ed economico albergo, gestito da una famiglia simpatica, restando per due settimane e se avrei avuto più tempo (il visto stava scadendo) sarei rimasto anche più a lungo.

Rain
Una delle cose che mi piace particolarmente di Haridwar è che è una città molto "autentica" e non globalizzata, quasi senza alcun turista occidentale. Ci sono tuttavia moltissimi pellegrini che vengono da ogni parte dell'india per farsi il bagno nel fiume Ganges. Poco fuori della città ci sono anche dei campeggi pieni di bus e trattori in cui le persone dormono durante la loro visita; molti dormono anche lungo le sponde del fiume, a terra o in Tende improvvisate di plastica.

home
Ogni sera tutti i pellegrini si radunano nelle vicinanze del tempio principale per celebrare il Ganga Aarti, un rituale religioso con musica preghiere e molte candele.

sleeping on the gangesGnges at night

fire

Gnges at night

Sadhu

The kid #2

praying

ॐ

acrobats

happy girl

Fire

O

seller in the sun

smartphone photography

Coin fisher

Coin collector

Gnges at night

Ashok

Dark

two girls

IMG_1463

temple

kid #6

haridwar boy

Haridwar at night