10/12/12

7 Domande a Cecilia Brera


1. Presentati per favore.
Mi chiamo Cecilia ho 21 anni e vivo a Pavia. Studio fotografia in un'accademia di belle arti a Milano e sto per laurearmi.
La mia è una vita molto tranquilla, una vita scritta da copione; mi piace uscire con gli amici andare a lezione e conoscere sempre nuove cose. Come qualsiasi pendolare odio profondamene i treni, metro e gli autobus. Amo l'arte in ogni sua forma; la storia dell'arte mi appassiona, in particolar modo il 900' e le sue avanguardie.

2.Quando hai iniziato a fotografare?
La fotografia mi ha sempre attratto fin da quando ero piccola. Alle gite delle scuole elementari se non avevo la mia usa e getta non mi sentivo del tutto soddisfatta. Verso i quindici anni avevo l'ossessione di scattare foto a ogni cosa/persona che mi circondava.
Due anni fa ho deciso di intraprendere questo percorso perché lo sentivo già un po' mio.

3.Cosa utilizzi per creare le tue foto (fotocamera, Software, obiettivi, luci, studio...ecc)?
Amo sia il mondo analogico che quello digitale e infatti utilizzo entrambi. Ho due reflex e due o tre toycam, per sperimentare e giocare. Quando utilizzo l'analogico prediligo pellicole strane con colori forti, come le X-Pro o le infrarossi oppure, una scelta molto ispirata ai "grandi della fotografia" è il bianco e nero. Per quanto riguarda il digitale, dopo aver scattato e rivisto i miei lavori alcuni li seleziono aprendoli con photoshop dove ogni tanto provo a fare qualche "magia" ma molto spesso cerco solo di sistemare in maniera lieve il risultato finale. 


 
4.Chi o cosa ti ispira?
Non ho un'ispirazione precisa, la fotografia è troppo vasta per soffermarsi solo su un genere. Tutto ciò che è veramente valido mi ispira e mi stimola. Fotografi che mi hanno ispirato e che mi sono rimasti impressi nella mente sono per esempio Théo Gosselin, Andreas Gursky, Elliot Erwitt, Francesca Woodam e molti altri.

5.Quanto tempo impieghi al mese/settimana per fotografare?
Penso di impiegare il giusto tempo per fotografare. Dev'essere un momento spontaneo che si sente dentro di sé, io quando percepisco l'ispirazione sperimento e inizio a fotografare.

6.Facci vedere il tuo scatto preferito, e spiegaci perché ti piace.


Amo questa foto perché si è creata spontaneamente e raffigura il momento "giusto", (per quanto riguarda lo sguardo, i colori, la composizione) ha un suo senso e un suo perché. Ha un tocco di serenità e di sospensione del tempo.

7.Che consiglio daresti a chi ha appena iniziato a fotografare?
Dal momento che anch'io ho ancora poca esperienza,il consiglio che posso dare è uno e semplice : sperimenta, gioca e non avere nessun freno che ti limiti, fotografare vuol dire essere liberi.

-
Leggi anche le altre interviste o scopri come farsi intervistare