14/06/12

7 Domande a Danilo Currò


1.Presentati per favore:
Salve a tutti! Mi chiamo Danilo ho 18 anni e per adesso frequento il Liceo Artistico della mia città, Messina.

2.Quando hai iniziato a fotografare?
L'incontro con la fotografia per me è stato un po' strano, a prescindere dal fatto che l'arte in generale mi è sempre piaciuta, fin da bambino. Due anni fa mi è capitato di avere dei soldi da parte e di aver trovato un'offerta imperdibile di una Canon 1000D, fui attirato da quell'aggeggio che riusciva a immagazzinare centinaia e centinaia di foto, leggero e comodo. Con il passare del tempo però non riuscivo a farne a meno, dovevo fotografare qualunque cosa (come di solito avviene all'inizio) e adesso penso che non mi separerò molto facilmente dalla mia reflex!

3.Cosa utilizzi per creare le tue foto (fotocamera, Software, obiettivi, luci, studio...ecc)?
Con qualche sacrificio la scorsa estate sono riuscito a comprare una Canon 60D. Io oltre a fotografare da poco ho iniziato pure ad avviare qualche video produzione e quindi avevo bisogno di una buona reflex che mi soddisfacesse in entrambi gli aspetti. Nel mio parco ottiche ci sono: Canon 24-70 f/2.8 - Canon 50mm f/1.8 - Canon 70-200 f/4 - Sigma 10-20 f/4-5.6
Nella fase di postproduzione faccio uso al 90% di Adobe Lightroom e al 10% di Adobe Photoshop. Raramente uso anche gli ottimi Plugin della Nik Software che comunque consiglierei a tutti :)





4.Chi o cosa ti ispira?
Amo immortalare momenti della vita di tutti i giorni, che siano Paesaggi, Foto di Strada o Ritratti, sono comunque istanti di vita che racchiudono tutto ciò di cui facciamo parte e siamo. Il solo fotografare una cosa che può sembrare banale, a volte ripresa da diversi punti di vista può nascondere una storia o semplicemente qualcosa che molti non riescono a vedere. E questo perché ormai viviamo la nostra vita troppo freneticamente, invece di stare attenti a tutto ciò che ci circonda. Iniziate ad osservare con attenzione la gente o semplicemente alzate lo sguardo quando capita che il cielo sia ben stellato, quei pochi minuti potranno svelarvi tante cose.
I fotografi contemporanei che ammiro di più sono Steve McCurry, Alex Webb e Elliott Erwitt. La sola capacità di vedere oltre li rende grandiosi. I loro scatti sono come un libro aperto..

5.Quanto tempo impieghi al mese/settimana per fotografare?
Una volta a settimana è sicuro che io vada in giro a scattare qualche foto, ma capita che ci sia la possibilità magari di fotografare per 3 giorni di seguito e quindi non perdo assolutamente l'occasione!:)

6.Facci vedere il tuo scatto preferito, e spiegaci perché ti piace.



Sono legato a molti dei miei scatti, perché riguardandoli mi ricordano cose belle/brutte e mi è difficile stabilire quale sia magari il mio scatto preferito. Questo sicuramente è lo scatto che più di tutti suscita delle emozioni. Ero di fronte a un bar a fare una pausa con i miei amici del gruppo fotografico con cui di solito esco, quando a un certo punto noto questo signore da solo in mezzo a tanti altri, appariva come una persona qualunque ma nel momento in cui alzò lo sguardo verso l'alto sembrava stesse raccontando a chi gli era vicino cosa provava e chi era. Con un solo sguardo, osservandolo per bene, ognuno di noi forse potrebbe capire o semplicemente provare qualcosa. Ma aggiungo anche che a volte ci vuole un po' di fortuna! :) E' stato un attimo e non avevo il tempo ne di regolare la reflex in manuale ne di cambiare metodo di esposizione, ma per fortuna i settaggi già impostati hanno funzionato alla grande ahah:) Inoltre lo scatto è stato selezionato insieme a un altro dalla Leica Talent Italia per il suo progetto "465 Shades Of Gray".

7.Che consiglio daresti a chi ha appena iniziato a fotografare?
Oddio…non che abbia tutta questa esperienza alle spalle da poter dare qualche consiglio. Magari posso dire semplicemente a chi ha appena iniziato a fotografare, di leggere un solo libro, ma buono, di Tecnica Fotografica Generale (troppa troppa tecnica secondo me è sbagliata, a volte per dir la verità non so neanche io regole tecniche che molti reputano fondamentali ahah), e poi guardare tantissime foto dei grandi maestri e anche di semplici fotoamatori. Confrontarsi è una delle migliori cose per andare avanti e migliorare. Ma la cosa più importante è la tanta pratica, scattare scattare e scattare ancora! Ogni cosa che vedete e vi affascina, fotografatela! All'inizio è sempre così. D'altronde Bresson aveva ragione: "Le tue prime 10.000 fotografie saranno le peggiori"

Sul Web potete trovarmi ai seguenti indirizzi: